La Crisi

La Crisi (La Crisi 2009)

La Crisi
Tutti ne parlano,
tutti cercano di capire…
tutti che gridano alla fine del mondo…

Io mi salvo negli occhi di chi amo..
nella mia poesia, nella follia che non va in crisi…

Non credo che sia una cosa buona la crisi
non credo possa essere utile a nessuno questa Crisi
allora cercherei la fonte della Crisi
e la distruggerei, frantumerei
con la Bomba di un cassintegrato,
un Dissocupato,
un lavoratore Part-time,
e tutti quelli che hanno capito
quello che che non va.

pS:La Bomba è l’idea di chi sà e non vuol morire, la Bomba è la poesia, un sogno l’essere diverso, folle non integrato antisociale e qui si corre verso altre poesie…..La Bomba fa paura la Bomba è pericolo, ma solo per chi la usa per le sue sporche guerre….La nostra Bomba è letteraria, la nostra Bomba è ideologica…la nostra Bomba…BUM BUM BUM

………………………………
al seguito…

Il dissocupato
getto la Bomba
senza chiedersi di domani…

fu l’agenzia del lavoro
a cadere
sotto le mani del cassintegrato…

lavoro nero,
lavoro vero,
lavoro par-time….

lavora ma chi?
“collaboratore occasionale”
ora cosi si dice
ma a cadere
è sempre il solito dissocupato
al ufficio di collocamento.
Autore
Cosimo Pricci
(Willy Parsifal)

 

Poi un amico spagnolo nel commentare la Crisi 2009, mi chiese nel 2011, se potevo scrivere un seguito…ed eccola qui.

…2011

e al seguito l’uomo che cade
è sempre il figlio del popolo….

al funerale
c’era la putrefazione
del cadavere
di Democrazia,
il Presidente
organizza il party
rapresentativo
di uno stato sociale
di politicanti e falsi
personaggi dello spettacolo
persi in orgasmiche vollutà.

2011
mentre la Primavera Araba
ha portato via dittatori
agonizanti…
mentre la Spagna si ribella,
come anche New York…
l’Italia si sveglia
da un lungo sonno,
ma gli Ideali oramai morti
non ci salvano più,
scendere in piazza e gridare
la rivoluzione, purtroppo
non serve più….

Bisogna Indignarci non più
solo nelle piazze,
ma ogni qualvolta ci viene
tolto un nostro diritto,
sbattere in faccia la libertà
di poter essere diversi
dal Branco di pecoroni….

la crisi 2011
tocca anche persino
il volantinaggio,
perchè chiudono anche i supermercati
e quindi il volantino scarseggia.

la bomba quella che cadde
non era certo quella del Bleck Block
(spaccatutto), ma quella del’ Intelettuale
perso dietro i suoi giornali e
parole da decifrare.

La crisi 2011
non finisce qui
ma continua,
non si spegne una parola
non si cancella una storia
che da troppi anni deruba
la vita!!!!
………………………..

e di coscienza
il Sud Italia, scopri
di non appartenere al Nord,
scopri di essere stato sacchegiato
da politicanti ladri
che lo avevano reso inoffensivo
per più di 150 anni.

e la crisi 2011?? chiese un ragazzo Spagnolo,
La Crisi 2011 gli rispondo è questa storia qui
che è il Presente di questo Mondo!!!

Autore
Cosimo Pricci

riferimenti alla bomba sono presi da
La Crisi (La Crisi 2009)

e sono qui nel 2017 a riprendere queste parole, e accorgermi che i danni della Crisi sono ancora tanti e ancora gravi.

 

bomba

 

Pubblicato in Poesia | 2 commenti

Una finzione

Una finzione

È stata una finzione,

il sole voleva giocare

Ora nascosto tra le nuvole

Ride…

Ride guardando il vento

Accarezzare gli uomini

Che credono alla Primavera..

Ride baciando con la pioggia

I piccoli fiori intimoriti…

È stata una finzione

Una tenera prova

Di giocare alla vita…

Ed ora ride aspettando Aprile

Aprendo e chiudendo ombrelli

Alla luce del mattino o al lampione

Serale…

Ride negli stivaletti dei bimbi

Negli impermeabili della gente

Che cammina in pozzanghere di

Fango…

È stata una finzione,

un tenero gioco,

non abbiate paura,

non nascondetevi

nei letarghi, ma bagnatevi

di quella pioggia che odora di vita!

Cosimo Pricci

(Willy Parsifal)

24/03/2014

vkY4rst

Pubblicato in Poesia | Lascia un commento

(Senza Titolo)

il 22 Settembre 2012 alla chitarra dei miei 16 anni buttata il 22 Settembre 2012!

(Senza titolo)

raccolgo sogni
nel vento…

polvere di vento
sepolta su una chitarra
con una nota scordata…

e viene notte
e viene giorno
ed il ragazzo
divento uomo…

la voce
il suono
non vedo
non canto…

ridi ragazzo
che suoni l’armonica
a bocca..

armonica a bocca
strumento piccolo
chiuso in una piccola
custodia.

la chitarra non è piccola
da conservare…
e la si butta dal 10° piano
giù in testa a quel cantante
stonato che continua
a far dischi!!!

di Cosimo Pricci

 

7lOtdMw

Io a 20 anni con la mia prima chitarra

Pubblicato in Poesia | Lascia un commento

Tutti giù per terra

Tutti giù per terra

 

Adagiati nel mare,

bocciuoli già morti

scappare dalla guerra

dal nulla che avanza

nella propria terra…

la speranza è lontana

la speranza è troppe volte

fuoco di paglia..già spento

da governanti senza cuore…

adagiati sulla spiaggia,

trascinati dalle vive onde

che li hanno strappati alla vita…

bimbi giocavano tenendosi

per mano,

giro, giro tondo

casca la terra,

casca il mondo

tutti giù per terra!!!!

Cosimo Pricci

(Willy Parsifal) 

 

xC4kc7s

Pubblicato in Poesia | Lascia un commento

Bestia Moderna

Bestia Moderna

Nessun suono

Nessun pensiero

Lungo il viale

Son solo…

Il tritolo

È al posto giusto,

quando l’uomo

imparerà a vivere???

Il viale di ritorno

È cancellato,

dal cuore malato

di un bombarolo,

e il matto grida forte

dal finestrino di un pullman

son stato io, son stato io….

Le briciole di un sogno

Erano li per terra come un puzzle,

emozioni fatte a pezzi

dalla cattiveria della bestia moderna…

Autore

Cosimo Pricci

(Willy Parsifal)

17793133_10211299168628532_7529235_n

 

Pubblicato in Poesia | Lascia un commento

Suicidio

la poesia qui sotto è stata scritta pensando ad Alessandro e Francesco, rispettivamente un mio compagno di classe suicidatosi anni fa ed un mio professore di Fisica; ma la dedico anche a chi muore ogni giorno perchè non ce la fa più dei silenzi assordanti del anima, e dello spegnersi ogni giorno a causa della stupidità altrui….non si può capire o comprendere, non si può giudicare o credere di non aver fatto abbastanza…

Suicidio

Lontano nei miei occhi

vidi un vetro

tondo colorato…

ero spento nel sole,

morto come si muore

di gioventù,

nessuno vide

la mia vita morire,

nessuno si accorse

di un silenzio assordante

che schiudeva l’anima mia;

e fu facile

cliccare il grilletto,

tirare la corda…

e scendere..scendere..

nella luce assordante,

nel buio silenzioso.

Nessuno più derise

la mia vita

di giovane marinaio,

stanco di vagare

nella vita

che non mi apparteneva.

ed ora qualcuno

passa di qua lascia una rosa

e va via nel mondo,

a vivere;

dove io non potevo,

dove io non volevo.

Autore

Cosimo Pricci

(Willy Parsifal)

 

yh30ceK

Pubblicato in Poesia | Lascia un commento

Cercatemi alla lettera “B”

Cercatemi alla lettera “B”

Non dico a nessuno

Che sono poeta,

perché i poeti l’ho

studiato a scuola

son morti tutti…

 

Non parlerò d’amore

perché l’amore l’ho

nascosto sotto il cuscino

ed è morto soffocato…

 

Non sono un cavaliere

perché le dame

se ne sono andate…

 

Non dico a nessuno

di essere poeta

perché oggi  i Narcisi

son troppi

sulla terra e sfioriscono

con il batter di ciglio…

 

Non chiamatemi

Poeta,

perché io son di un’altra razza,

e scusate

 voi poeti se vi inopportuno

ma siate unici nel vostro

canto dell’uomo…

 

Non chiamatemi poeta,

non cercatemi tra i cavalieri,

non parlerò d’amore…

non canterò alla corte di

nessun signore…

chiamatemi e cercatemi

alla lettera B come “Buffone”!

 

   Autore

Cosimo Pricci

(Willy Parsifal)

26/03/2017

 

alla lettera B

 

Pubblicato in Poesia | Lascia un commento